Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Grinta Fonseca. Sacrificio e aiuti, il tecnico detta le regole per volare

Roma, emergenza in difesa a Benevento. «Servirà lo stesso spirito avuto a Braga»

Ci fossero solo questo tipo di partite qui, quelle contro avversarie medio-piccole, allora la Roma sarebbe probabilmente prima in classifica. Questo lo sa bene anche Paulo Fonseca, che proprio su questo argomento è tornato qualche giorno fa, parlando della necessità prima o poi di vincere anche contro le grandi.

Ma la Roma arriva a Benevento con l’emergenza talmente grande in diesa che alla fine bisogna mettere in preventivo davvero tutto. “Il Benevento è una squadra forte, che costruisce con criterio – dice l’allenatore della Roma –. Nell’attaccare la profondità è pericoloso, è in questi situazioni che dovremo essere concentrati al cento per cento e fare una buona partita a livello difensivo”.

E allora sarà importante anche la cerniera di centrocampo, che dovrebbe essere formata ancora da Villar e Veretout, allo stato attuale la migliore coppia a disposizione di Fonseca tra quelle allestibili in quella porzione del campo. “In Portogallo mi è piaciuto molto l’atteggiamento della squadra, il suo spirito – insiste Fonseca – I giocatori hanno fatto dei grandi sacrifici ed è il tipo di mentalità che vogliamo e che è importante mantenere“. Si legge su “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa