Resta in contatto

Rassegna Stampa

ElSha: “Squadra di qualità, so che ci divertiremo tanto”

El Shaarawy

Il Faraone è sceso in campo dal 1′ per la prima volta dal suo ritorno nella capitale

Subito El Shaarawy. Alla prima da titolare da quando è tornato alla Roma, il Faraone è stato uno dei migliori e ha aiutato la squadra a vincere. L’attaccante è stato spesso pericoloso, ha colpito il palo favorendo il gol di Dzeko e poi ha fornito l’assist anche per la traversa di Pedro.

L’azzurro si candida per un posto da titolare anche contro il Milan. Stephan può essere l’arma in più per la Roma: “A differenza degli altri trequartisti ricerco la profondità, soprattutto quando Edin riceve la palla. Devo trovare un po’ di lucidità nelle giocate ma mi sento bene. È stata una buona partita da parte di tutti, quindi siamo soddisfatti. Peccato per il palo, ma da lì è nato il gol di Edin, quindi va bene lo stesso“.

Un’intesa ritrovata con Dzeko, insieme hanno segnato tanti gol: “È stato bello ritrovarlo, ma gioco al fianco di tanti calciatori di grande qualità. Ci sarà da divertirsi. Questa squadra ha grande qualità, un’identità, cerca molto il fraseggio per poi andare a far male. Ci sono giocatori che sanno fare la differenza. C’è un ottimo spirito nello spogliatoio, siamo bravi ragazzi che si aiuto. Con Edin l’intesa c’è ancora, sono contento di questo e della vittoria. C’è tanto entusiasmo da parte mia, voglia di giocare e rifare ciò che ho fatto quando sono arrivato a Roma nel 2016“. Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa