Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Ballardini: “E’ stata una partita equilibrata”

Il tecnico del Genoa ha parlato al termine della partita contro la Roma

La Roma esce dallo Stadio Olimpico con 3 punti importantissimi in ottica Champions League, mente il Genoa torna a casa con la saccoccia vuota. L’allenatore dei liguri, Davide Ballardini, ha commentato la gara ai microfoni di Dazn. Ecco le sue parole:

Una partita complicata oggi, nel finale forse potevate riprenderla…

“E’ vero, è stata una partita complicata sia per noi che per la Roma. Noi non siamo stati così bravi nell’ultimo passaggio, nello smarcamento, dovevamo essere più bravi. E’ stata una partita equilibrata, abbiamo fatto una buona partita.”

Avete concesso pochissimo, ma vi siete abbassati e non avevate forse la brillantezza per ribaltare la situazione…

“In sette giorni abbiamo fatto tre partite, contro Inter, il derby e oggi contro la Roma. Noi nel primo tempo abbiamo avuto ripartenze in cui eravamo anche in superiorità numerica, ma potevamo essere più bravi in uscita. Potevamo dare più fastidio a loro, è mancata freschezza e brillantezza che di solito abbiamo.”

Una squadra solida, dove può fare il salto di qualità?

“La tranquillità è una parola che si abusa. Nel nostro ambiente la tranquillità è un privilegio che devi conquistarti ogni giorno, non è così facile. Noi per me nella qualità del gioco siamo migliorati molto, è una squadra che si difende. Ci manca la chiarezza nello smarcamento e la qualità di alcuni passaggi che sono più difficili da fare, trovare spazi che possono dare fastidio e che possono mettere in difficoltà.”

Pjaca oggi ha giocato solo il primo tempo, cosa gli serve per fare un salto di qualità?

“La risposta a questa domanda io la do a lui. Ultimamente sta giocando tanto, però è chiaro che per le sue qualità lui si deve arrabbiare e deve fare di più.”

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News