Resta in contatto

News

Shakhtar Donetsk, Teté: “Abbiamo visto tutte le ultime gare della Roma, sono molto forti”

Il brasiliano parla della Roma in vista della gara di stasera

In una intervista ai canali ufficiali dello Shakhtar Donetsk, l’attaccante brasiliano Teté ha parlato delle qualità della Roma in vista della gara di stasera allo Stadio Olimpico. Ecco le parole del classe 2000 sulla squadra di Paulo Fonseca:

Quanto è forte la Roma?
“Molto forte. Abbiamo già rivisto tutte le ultime partite della Roma. Sono sicuro che sarà un grande e interessante incontro”

Che partita ti aspetti a Roma e quali istruzioni vi ha dato Luis Castro ?
“Abbiamo cercato di prepararci nel miglior modo possibile. La Roma è una squadra ben organizzata, molto forte ad attaccare e proveremo a neutralizzarlo. Cercheremo anche di mettere in pratica il nostro gioco, una strategia collaudata, e ottenere un buon risultato”.

Chi spicca nella rosa della Roma?
“Penso che tutti i giocatori siano importanti, non voglio escluderne uno. Prima di tutto giocheremo contro una squadra forte”.

Quest’anno lo Shakhtar ha già giocato contro un club italiano. Inter e Roma hanno qualcosa in comune?
“Due squadre diverse. È chiaro che la Serie A ha tanti club forti, ma sono formazione diverse. Ci siamo preparati per le due partite in modi diversi”.

Lo Shakhtar sta attraversando un periodo difficile. Come affronterà la partita con la Roma?
“A volte accade nel calcio, non c’è nulla di cui preoccuparsi. Siamo forti e preparati, proveremo a vincere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News