Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo alza bandiera bianca: “È dura, mi rifarò al Mondiale”

Mourinho

Addio Europei per il talento giallorosso

Nicolò Zaniolo non parteciperà al prossimo Europeo. A far cambiare le cose ci ha pensato il Covid che ha “rubato” quelle settimane di lavoro per metterlo in corsa verso la convocazione. L’appuntamento con il professor Fink è andato bene. La visita di controllo dimostra che la tecnica adoperata ha dato stabilità, ma pur avendo “una muscolatura alle gambe come quella di uno sciatore“, parole di Fink, la sinistrà ha circa il 10% in meo del tono muscolare dell’altra. Le tre settimane del Covid sono valse in ritardo quantificato in “4-6 settimane“. La prossima visita di controllo è prevista tra fine mese e i primi di maggio.

Il ct Mancini lo incoraggia e non chiude la porta: “Aspettiamo ancora un po’. So che al 70% non ce la farà ad essere con noi, ma Nicolò deve stare tranquillo. Ha davanti a sé una carriera molto lunga, non deve forzare perchè la salute è ciò che conta di più. In ogni caso noi lo seguiremo fino alla fine, anche perchè conosciamo bene il suo valore“. Nicolò si sente bene e il padre Igor racconta: “Ieri era distrutto, come umore sembrava di essere tornati ai giorni in cui si era infortunato alle ginocchia. Ora piano piano comincia a stare meglio, anche se dentro di sé ha una voglia incontenibile di giocare. Vorrà dire che, quando arriverà la “green card” disputerà le finali di Primavera“. Per Zaniolo l’appuntamento con la Nazionale resta fisso nel pensiero: “Sono dispiaciuto, ma il mio obiettivo è esserci il prossimo anno al Mondiale“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa