Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 19 maggio 1907: nasce a Roma Cesare Augusto Fasanelli

114 anni fa nasceva nella Capitale uno dei miti di Campo Testaccio

Cesare Augusto Fasanelli, nato a Roma il 19 maggio 1907, era stato una delle colonne immortali della prima Roma collezionando nei suoi sei anni da calciatore 166 presenze nella massima serie (Divisione Nazionale e Serie A) con 58 reti, 14 presenze e 10 reti in Coppa CONI e 2 presenze in Coppa dell’Europa Centrale.

Nel palmares di Fasanelli ci sono la vittoria nella Coppa CONI del 1928 e il vanto non da poco di essere andato a segno nella prima gara di Divisione Nazionale della storia della Roma, il 25 settembre 1927. Fasanelli firmò il contratto che lo legava all’AS Roma solo tre giorni più tardi di quel debutto con gol, il 28 settembre 1927. Partì dalla bella casa di Via Catone e si recò a Via degli Uffici del Vicario per legarsi a quella che sarebbe stata la squadra della sua vita.

Fasanelli aveva iniziato la carriera nella Romulea (dove militava già nella stagione 1922/23), per poi vivere stagioni di gloria nell’Alba. Una volta nella Roma era divenuto uno dei perni irrinunciabili del gioco offensivo giallorosso e le sue quotazioni erano salite fino a farlo convocare, nell’agosto 1930, nella Nazionale Universitaria che vinse il titolo iridato di categoria a Darmstad.

La separazione dalla Roma e da Roma arriva nel 1933, per Fasanelli ancora stagioni di gloria al Pisa, alla Fiorentina, al Genoa e al Parma, poi il tramonto nella Mater del grande amico Fulvio Bernardini. Nel 1942/43 consegue anche la tessera di aiuto allenatore ma il suo rapporto con il calcio diviene sempre più incidentale. Quello che non tramonta è l’affetto per la Roma che rimase intatto sino alla sua scomparsa avvenuta sempre a Roma il 4 aprile 1992″.

Il suo nome è citato nell’inno Campo Testaccio: “Poi c’è stà Ferraris er mediano, granne nazionale e capitano; Chini, Fasanelli e Costantino, cò Lombardi e cò D’Aquino; Vorche è ‘n mago pe’ segnà!”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord