Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho, a Trigoria, primo incontro con Zaniolo, Pellegrini e Mkhitaryan

Primi colloqui con i suoi calciatori a Trigoria

La prima sera poteva andare meglio, visto che ha assistito in televisione all’infortunio di Leonardo Spinazzola nel match che l‘Italia ha vinto contro il Belgio a Monaco di Baviera, ma ieri Mourinho ha cominciato a prendere confidenza con il centro sportivo di Trigoria.

Mou e il suo staff si sono confrontati a lungo su come impostare il lavoro e stanno “cercando di cambiare alcune cose, così gli spazi saranno più adeguati rispetto alle nostre idee e necessità“. Il portoghese sfrutterà questi cinque giorni di quarantena per ambientarsi ma anche per conoscere tutto il personale e lo staff che tutti i giorni lavorano nel Fulvio Bernardini all’interno del quale, con la mascherina e rispettando il distanziamento, può girare liberamente e incontrare chiunque.

Compresi i calciatori, almeno quelli che da alcuni giorni sono a Trigoria a lavorare per farsi trovare pronti dal tecnico quando inizierà la preparazione vera e propria. Dopo tanti contatti telefonici, c’è stato il primo incontro ufficiale con Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan, Smalling e Kumbulla, che sono arrivati a Trigoria in mattinata, mentre nel pomeriggio si è affacciato anche l’amministratore delegato Guido Fienga.

In queste prime ore della sua avventura romanista Mourinho è seguito costantemente da una troupe cinematografica che da due settimana segue i suoi spostamenti: dalla preparazione della partenza dal Portogallo, allo sbarco a Ciampino e poi a Trigoria, con il bagno di folla e il saluto dal terrazzino, fino ai suoi primi allenamenti con la Roma. Tutto questo si trasformerà in un docufilm, stavolta a tinte giallorosse, che sarà prodotto dalla casa di produzione cinematografica di Dan Friedkin. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa