Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ritiro a Trigoria: Zaniolo spinge, prima cena di gruppo

Zaniolo

Mourinho è rimasto stupito dallo stato di forma del numero 22 giallorosso

Un’intesa che può rappresentare l’arma in più della Roma. Il vero colpo di mercato Mourinho potrebbe averlo trovato il giorno in cui ha varcato la soglia del Fulvio Bernardini. Zaniolo è stato tra i primi giocatori a fare la conoscenza del tecnico ed   rimasto subito affascinato dal carisma del portoghese, che lo considera un elemento chiave della nuova Roma.

Nei primi allenamenti lo Special One ha tenuto sotto osservazione il numero 22, rimanendo stupito dal suo stato di forma. Zaniolo non ha saltato una seduta e sta mettendo tutto se stesso nel preparare una stagione cruciale per la sua carriera: dopo quasi un anno fermo ai box infatti vuole recuperare il tempo perduto. L’obiettivo è tornare grande con la Roma per convincere Mancini a portarlo in Qatar, e in questo senso lavorare con Muorinho può fare la differenza.

Il classe ’99 sfrutterà le prossime amichevoli per riprendere il ritmo partita: i primi test probanti invece arriveranno tra Portogallo e Spagna, dove i giallorossi affronteranno i due Siviglia e il Porto (si sta cercando un quarto avversario). La squadra – che ieri ha cenato a Trigoria insieme a Mourinho e allo staff tecnico – volerà in Algarve il 26 luglio: il quartier generale del ritiro sarà il Tivoli Algarve Resort a Carvoeiro ma gli allenamenti si svolgeranno all’Estadio Municipal da Bela Vista a Parchal (a 9 km dal resort). Il 6 agosto il gruppo volerà a Siviglia, dove il 7 scenderà in campo contro il Betis prima di rientrare in Italia. Si legge su “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa