Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Una Roma camaleontica: ecco i moduli scelti da Mourinho

Roma

Mourinho costruisce la sua Roma in silenzio

“Abbiamo un’idea ma bisogna lavorare per capire come possiamo esprimerci al massimo”. Così esordiva José Mourinho nella conferenza stampa di presentazione come nuovo allenatore della Roma; pare quindi che lo Special One sapesse già dal 4 maggio come avrebbe giocato la sua nuova squadra.

Nel mentre continua a nascondere il tutto ai media (tant’è che le prime due amichevoli stagionali non saranno accessibili al pubblico), il portoghese ha già indicato ai suoi uomini gli schemi tattici in vista della prossima stagione. E’ chiaro che il modulo cardine sarà il 4-2-3-1 – da sempre “stella polare” del tecnico. In attesa del rientro di Pellegrini dall’infortunio, nei primi giorni di allenamento i protagonisti dell’attacco giallorosso sono stati Zaniolo, Mkhitaryan ed El Shaarawy, con Dzeko come centravanti.

Sarà una squadra a forte trazione anteriore, che punterà il tutto sulla fisicità di Zaniolo e sugli uno contro uno del “Faraone”: una squadra, però, che dovrà essere camaleontica, e adattare il modo di giocare in base alle esigenze. Oltre al 4-2-3-1 è stato indicato come modulo anche il 3-5-2, in cui uno dei tre centrocampisti interni potrebbe abbassarsi per gestire il possesso (presumibilmente Xhaka, promesso sposo giallorosso, o Cristante).

Fondamentale sarà il ruolo di Dzeko, che fungerà da spartitore del pallone. Comunque sia, il fatto di non avere uno schema unico e fisso su cui lavorare è piaciuto parecchio al gruppo. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa