Resta in contatto

Rassegna Stampa

De Rossi rinnova: “Amo lavorare per questo club”

Ieri è arrivata l’ufficialità: lo storico tecnico della Primavera resterà almeno per un’altra stagione

Alberto De Rossi resta al suo posto. Come è giusto che sia. Per l’uomo, che è di una caratura morale fuori dal comune. Per l’educatore che è. Ma anche e soprattutto per ciò che rappresenta dentro le mura di Trigoria. In una sola parola: l’ultima bandiera.

Alberto De Rossi ha firmato ieri il rinnovo del contratto per un anno. Anche se qualche mese fa la sua permanenza non era scontata. Sarà l’ultima annata? Non si sa. Quello che è certo è che continuerà a lavorare con i giovani, nella “sua” Primavera. Ha iniziato ad allenare i Pulcini giallorossi quando Daniele era un bambino delle elementari, per poi scalare nel corso del tempo le gerarchie e sedersi sulla panchina della Primavera per 18 anni di fila. 

Un traguardo impensabile e fuori da ogni logica nel calcio moderno. Ma meritato considerando che dai suoi insegnamenti sono passati centinaia e centinaia di ragazzi che poi si sono affermati in prima squadra (su tutti FlorenziPellegriniCalafiori e Darboe) ma anche in altre realtà.

Amo il mio lavoro, lo svolgo con infinita passione. Lo faccio per la squadra della mia città, per la squadra del mio cuore, avverto da sempre un onore particolare nello svolgere la mia professione. Le responsabilità restano tante. Abbiamo il dovere di preparare al meglio i ragazzi che si affacciano in prima squadra, prima di ogni altra cosa, ha detto Alberto De Rossi dopo la firma attraverso il sito ufficiale della Roma.

Si legge sul Corriere dello Sport 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa