Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola: “Torno a novembre. Vina? Gli do il mio benvenuto e Mourinho ha già conquistato tutti”

Spinazzola Euro 2020

Intervista esclusiva dell’esterno giallorosso

Leonardo Spinazzola parla dopo il grave infortunio rimediato in Nazionale: lo fa sulle colonne de “Il Romanista”. Ecco uno stralcio delle sue parole.

A novembre sarò a disposizione del mister per ricominciare a giocare. Nella mia testa c’è solo questa data.
Altri ci sono riusciti, ci proverò anche io. Ora mi sto riposando, ho saltato tanto per festeggiare e mia moglie era preoccupata per questo, ma quando è partito lo spumante negli spogliatoi, mi sono seduto. Cantavo ma seduto.
Per una settimana sono rimasto stordito. L’adrenalina ha girato a mille, mangiavo pochissimo e mi veniva subito la nausea. Ancora non ci credevo che abbiamo vinto, ora sono carico per il lavoro che mi attende. A Trigoria torno a lavorare il 2 agosto, andrò a fare mobilità della caviglia ma per sei settimane non potrò poggiare il piede per terra. Ma io non sto fermo e vedo già miglioramenti.
L’infortunio? Nessun dolore, ho sentito un colpo e ho sperato ci fosse qualcuno dietro. Ho pianto perché ho capito cosa mi sarei perso. Fragilità muscolare? Unico vero infortunio con l’Ajax, con il Man Utd non avevo recuperato al cento per centro, sapevo a cosa stavo andando incontro. Pentito? Ma scherzi, quelle partite le devi giocare a tutti i costi.
Vina? Sono contento, è il benvenuto. Finché non rientro non poteva giocarle tutte Calafiori.
Mourinho? Ci ho parlato al telefono prima dell’Europeo e poi quando sono tornato a Trigoria. Mi sembra una brava persona ma si vede che è tosto, è tanta roba.
Zaniolo? Nico è un animale, è tornato a fare a sportellate.
Vincere a Roma? Sul pullman scoperto non solo l’ho pensato, ma l’ho detto. Ci sarebbero state il triplo delle persone”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa