Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zalewski, il polacco di Tivoli strega Mou: “Mi manda Boniek”

Zalewski

Tutti pazzi per Zalewski

C’è chi è scappato dalla guerra come Darboe, chi studia Economia alla Luiss come Bove e chi ha dovuto già affrontare due infortuni terribili come Calafiori. L’Accademia romanista, frutto del lavoro di Bruno Conti e di tutto il suo staff, riserva storie incredibili e prospettive di successo. Il nome salito alla ribalta e che ha stregato prima Pinto e poi Mourinho però è quello di Nicola Zalewski. Che tradisce chiare origini polacche e che ha un mentore d’eccezione: Zibì Boniek. Il talento 19enne è nato a Tivoli da Krzysztof ed Ewa Zalewski, emigrati in Italia nel 1989, per evitare che l’uomo fosse costretto a prestare servizio militare per il partito comunista. Inizia nello Zagarolo e un torneo nel 2011 gli cambia la vita. Conti lo nota e lo porta a Trigoria per un provino. Non ne uscirà più. A consigliarlo è stato proprio Boniek che nel 2018 prova a strapparlo all’Italia per farlo esordire con la Polonia.

Zalewski ringrazia ma rifiuta garbatamente. Il Bello di Notte, oggi presidente della Federcalcio polacca, non usa mezzi termini: «Mangio spesso con suo papà, è una bella famiglia e lui ha un grande talento. Ha fatto vedere che è pronto per giocare con i grandi. Doveva solo migliorare il possesso palla e l’ha fatto. Svaria su tutto il fronte e ha una grande fame. E se segue Mourinho».In privato prima Petrachi e poi Pinto hanno speso paragoni anche più azzardati per il trequartista che ha stregato lo Special One. Il dilemma da sciogliere in questi giorni è solo: portarselo subito in prima squadra o cederlo in prestito in serie A. La decisione sarà presa entro lunedì prossimo. La storia insegna che con Mourinho i giovani sbocciano: da Casemiro a Cech passando per McTominay. Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa