Resta in contatto

Rassegna Stampa

José e la linea verde, Bove in evidenza

Il giovane centrocampista si sta mettendo in luce in questo precampionato

Piccoli centrocampisti crescono. Edoardo Bove è uno degli elementi positivi del ritiro della nuova Roma di José Mourinho. Tra Trigoria e la preparazione in Portogallo, il diciannovenne si è messo in mostra sotto gli occhi dello Special One che ieri pomeriggio contro il Siviglia lo ha premiato, consegnandogli una maglia da titolare e lasciandolo in campo tutti e novanta i minuti (l’unico insieme ad Ibanez). Una buona prova di Bove che in queste settimane si è applicato molto, sfruttando gli insegnamenti di Mourinho ma anche dei suoi compagni di squadra che lo stanno aiutando a crescere e migliorare.

Non è un caso che tanti applausi di Mourinho durante la partita siano indirizzati proprio a lui: “Giocare queste partite è un grandissimo modo per crescere -ha dichiarato ai canali social del club a fine partita-. Il mister ci dà tanti consigli, ci aiuta, ci motiva. Questo ci dà grande forza per fare sempre meglio in partita“. Mou ha voluto motivare i più giovani inserendoli quasi tutti nel primo tempo contro gli andalusi. Bove, ma non solo: Fuzato (24 anni), Reynolds (20), Calafiori (19), Darboe (20), Perez (23), ma anche Ibanez (22) e Kumbulla (21). La Roma dei primi quarantacinque minuti aveva un’età media di 22,9 anni. Una squadra non esperta ma che ha corso tanto, mettendo grande intensità. Adesso con l’infortunio di Villar, Veretout non ancora pienamente recuperato e il punto interrogativo legato all’arrivo di Xhaka, Bove può godersi anche le prossime amichevoli, sperando di poter convincere Mourinho a dargli una chance anche nel corso della stagione. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa