Resta in contatto

Calciomercato

Lionel Messi dice addio al Barcellona: “Giorno tristissimo, sono arrivato bambino e vado via uomo”

Messi

Oggi alle 12 l’attesissima conferenza stampa di Messi, che spiegherà i motivi del suo addio al Barcellona

Oggi alle 12, presso l’Auditori 1899 del Camp Nou, Lionel Messi ha spigato i motivi che lo hanno portato a lasciare il club catalano. Joan Laporta ha praticamente annunciato il futuro di Messi, dichiarando: “Ha scelto il PSG“. L’argentino si è presentato in sala stampa alle 11:59 visibilmente scosso e commosso, chiedendo ancora qualche attimo prima di iniziare a parlare. Ecco un estratto della sua conferenza stampa:

LA CONFERENZA STAMPA – LIVE

Il PSG sembra la squadra a te più vicina, è una possibilità?

Messi: “Posso soltanto dire che moltissimi club si sono interessati alla mia situazione, una volta letto il comunicato del Barcellona. Col PSG non c’è niente di definito, stiamo parlando ed è una possibilità.”

Cosa succede a te, come persona, in questi giorni?

Messi: “Sono giorni difficili, sto lasciando il Club della mia vita e la mia vita cambierà totalmente. Dopo 17 anni in prima squadra è dura. Per me tutto era ormai una routine delle stesse cose. Ma adesso dovrò ricominciare da zero. Sarà difficile, ma riusciremo a stare bene. Cambieremo tutti insieme, purtroppo bisogna accettarlo e guardare avanti.”

Tornato dalle vacanze, pensavi che ci sarebbe stato questo intoppo nel contratto?

Messi: “Purtroppo alcune regole della Liga non ci hanno permesso di siglare l’accordo.”

C’è stato un momento che ti ha fatto capire quanto fossi importante per il Barcellona?

Messi: “Abbiamo vissuto insieme una marea di momenti, sceglierne uno è praticamente impossibile. Forse il debutto, perché lì ho realizzato il mio sogno.”

Lionel Messi: “Sono giorni che penso a questa conferenza, è difficilissimo per me lasciare il Barcellona dopo tantissimi anni. Devo dire addio a questo club, quando sono arrivato avevo 13 anni. Sono arrivato bambino e vado via con moglie e tre figli. Ho promesso ai miei figli che tornerò, è un arrivederci. Ringrazio tutti i miei compagni, che vedo qui, li ringrazio tantissimo. Ringrazio anche tutte le persone che mi hanno sostenuto nel corso di questi anni. Questo club è stato buonissimo con me, mi ha dato tutto. Abbiamo vissuto insieme cose fantastiche. Io per questa maglia ho dato tutto, fin dal primo giorno. Sono grato per l’affetto della gente. Non avevo mai immaginato questo addio, in questo modo, non sapevo che sarebbe andata così. Volevo salutare il Club in campo, con lo Stadio pieno. Il pubblico, durante la pandemia, mi è mancato tantissimo. Mi dispiace tantissimo che andrò via senza vedere i tifosi, la situazione è triste. Tutto quello che ho potuto dare al club l’ho dato, ho dato tutto affinché il Barcellona potesse diventare il miglior club del mondo. Grazie a tutti.”

Ore 11:59 Lionel Messi entra in sala stampa visibilmente commosso e chiede ancora qualche attimo prima di iniziare a parlare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato