Resta in contatto

Rassegna Stampa

In Turchia con Eldor, nel mirino di Tammy l’esordio con la Viola

Shomurodov

Con Abraham o senza Abraham. Per ora senza, e comunque per poco, magari solo per la prima uscita, vedremo

Con Abraham o senza Abraham. Per ora senza, e comunque per poco, magari solo per la prima uscita, vedremo. Veramente difficile vederlo giovedì in campo con il Trabzonspor, complicato con la Fiorentina. Complicato ma non impossibile.

Il calciatore è in partenza per Londra, per mettere a posto la questione del visto. Al suo ritorno dovrà rispettare cinque giorni di quarantena, come fu per Mourinho. Potrà allenarsi a Trigoria e tornare a casa: la classica quarantena light, casa-lavoro-casa.

In questo caso, la partita contro la Fiorentina è considerata “lavoro”. Quindi in teoria potrà essere a disposizione dello Special, la controindicazione è che non avrà avuto modo di allenarsi troppo tempo con il resto della squadra. 

Tammy avrà a disposizione anche il ritorno del playoff di Conference, il 26 agosto allo Stadio Olimpico contro il Trabzonspor, magari lì lo vedremo al centro dell’attacco.

Per ora tocca a Eldor Shomurodov, che si merita la vetrina per le buone prestazioni ammirante nell’estate di amichevoli.

Abraham è un centrale diverso dall’uzbeko, è più bravo nell’area di rigore, ma che sa assicurare anche profondità; Eldor sa fare la prima e la seconda punta e non è escluso chenel 4-2-3-1 o 4-4-2 mourinhiano, non si possano vedere uno al fianco dell’altro (stesso discorso vale per Mayoral, che resta il centravanti di scorta).

Lo scrive oggi Il Messaggero 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa