Resta in contatto

Rassegna Stampa

Shomurogol: Mourinho, la prima è preziosa

Mourinho

Una bella partita? Proprio no. Seria, però, sì. Sia per il Trabzonspor sia per la Roma, che sentono necessariamente il peso della gara

Vince Mourinho alla sua panchina numero 996 e comunque si fa festa. Bastano ShomurodovPellegrini e uno Zaniolo non ancora a mille. Gli errori ci sono, inevitabilmente, e vanno corretti. Si torna, però, dal Mar Nero con il sorriso e con la Fiorentina nel mirino, quando ci sarà – forse a mezzo servizio – anche Abraham e lì capiremo altre cose e vedremo, forse, altri miglioramenti.

La Roma è una squadra ancora in costruzione, alcune pedine devono imparare a muoversi meglio, vedi Zaniolo, che si applica, corre, ma fatica a trovare la migliore condizione e sopratutto lo spunto che ha nelle corde.

La partita scorre, come detto, senza troppi fronzoli. Squadra esperta (stagionata, forse) quella turca, Roma solida e in divenire. Ti aspetti le fughe di Gervinho e Peres, ti ritrovi a rincorrere Nwakaeme, che in avvio crea qualche fastidio di troppo a Karsdorp, che però nel primo tempo sfiora pure il gol: a forza di fare su e giù ha la lingua di fuori ma risulta alla fine uno dei più propositivi.

Meno brillante Viña, ancora un po’ pasticcione in fase difensiva, ma il piede c’è. Mourinho, senza fare lo scienziato, propone una Roma compatta. Lo spartito ormai è chiaro: Lorenzo in fase difensiva va ad aggredire, con Shomurodov, il portatore avversario, con gli esterni (Micki e Zaniolo) che si abbassano.

Quando la Roma attacca, Cristante scala in mezzo ai due difensori centrali e si cerca di colpire con cinque uomini offensivi, con i due terzini molto alti. Chiamiamolo 4-4-2, o 3-2-5, 4-2-4 o 4-2-3-1, i numeri si intrecciano ma la Roma che pensa Mou è questa: solida dietro e a fiammate offensive quando si può.

Lo scrive oggi Il Messaggero 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa