Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma ha trovato il suo Abraham

Abraham

Esordio da sogno per l’attaccante inglese

È la notte di Abraham, subito titolare all’esordio chic. Da applausi per lui e i compagni. Spallata alla Fiorentina e via: 3-1. Mourinho ha fretta e lancia l’erede di Dzeko. Sa quanto pesa l’investimento dei Friedkin. In campo e fuori. Gli occhi sono puntati sui primi passi del nuovo pivot. Sono quelli dell’allenatore e dei compagni, essendosi allenato a Trigoria da solo da mercoledì. Corre elegante. Chi si aspetta il centravanti potente, scopre che anche lui ha il tocco raffinato. Quando riparte e scappa, fa il vuoto. Velocità e strappo. Su lancio di Ibanez, va in fuga e salta pure Dragowski che lo stende fuori area. Rosso diretto di Pairetto, forse severo: Tammy, più che la porta, ha la prua verso la bandierina del calcio d’angolo. La Fiorentina è in inferiorità numerica dopo 17 minuti.

La Roma, pure se compatta, deve ancora scegliere lo spartito ideale. Ma i tifosi si gustano Abraham: finta in area sul cross di Karsdorp per il tiro di Pellegrini. Quasi gol. C’è solo da aspettare. Assist da rifinitore per Mkhitaryan tenuto in gioco da Milenkovic e gol del vantaggio: 5 reti di fila in 5 giornate di Serie A. Zaniolo cerca il raddoppio, Bonvaventura il pari, respingono i portieri. La fisicità di Abraham e il timbro di Mourinho. Che carica la squadra anche quando rimane in 10 con l’espulsione di Zaniolo. Il centravanti inglese dopo poco colpisce la traversa su un bel colpo di testa. Poi ancora un assist, dopo lancio di Mkhitaryan per Veretout. Di nuovo attesa, ma il gol è valido. È il momento della standing ovation. Dentro Shomurodov che, appena entrato, offre l’assist per la doppietta di Veretout. Il Gran Premio del campionato è appena iniziato e la Roma accelera la partenza. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa