Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Abbiamo rasentato la perfezione. Ci sono margini di miglioramento”

Le parole del tecnico della Primavera dopo il successo in casa del Torino

La Roma Primavera inizia col botto: 4-0 in casa del Torino nella prima giornata del campionato Primavera 1. Queste sono le parole di mister Alberto De Rossi dopo la partita:

“I ragazzi hanno fatto una partita quasi perfetta, considerando anche il momento: abbiamo iniziato appena da un mese. Questo dimostra quanto siano concentrati su quello che devono fare ed è un momento di grande professionalità. Che vale molto”.

La Roma ha tenuto il campo alla perfezione.

“Sì, adesso non saprei di cosa parlare, perché la partita è stata buona in tutti i reparti. Non si parla mai di 100%, ma abbiamo rasentato la perfezione. Se vogliamo trovare il pelo nell’uovo, abbiamo creato tanto, ma il 4-0 è un risultato tondo”.

È questa la Roma che ci dobbiamo aspettare, a livello di posizioni in campo?

“Beh, il sistema di gioco non lo scegliamo noi dello staff: ce lo consigliano i ragazzi, con le loro caratteristiche. Abbiamo dei giocatori di fascia che non sono né quarti, né propriamente quindi, e quindi li mettiamo in una zona del campo dove devono difendere. Non c’è bisogno di grande forza fisica, ma di dinamicità. In mezzo al campo abbiamo invece una solidità che ci teniamo stretta: oggi Tahirovic e Faticanti hanno fatto una partita strepitosa. Mentre davanti abbiamo questi cinque attaccanti – ci metto anche Cassano – che creano tantissimo e sono il terminale ideale di questa squadra”.

Quanti margini di miglioramento ha questo gruppo?

“Molti. Sembra di andare contro l’inerzia della partita, ma ne abbiamo tanti. Sotto porta dobbiamo essere più cinici, dobbiamo creare di più e concludere quando giochiamo in contropiede, perché abbiamo delle punte  veloci, molto teniche e dobbiamo arrivare al tiro più facilmente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera