Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, avanti così: l’acquisto di un mediano è rinviato a gennaio

Tiago Pinto Roma Milan

Difficile che arrivi un colpo nell’ultimo giorno di mercato

Tiago Pinto mette a segno un colpo finale in uscita, ma rischia di non bastare per chiudere il mercato con un ultimo acquisto. Il general manager giallorosso è riuscito a strappare un accordocon l’agente di Javier Pastore per la rescissione consensuale del contratto dell’argentino (il suo accordo sarebbe scaduto nel 2023). Un’operazione tutt’altro che scontata con cui la Roma risparmia più di 7 milioni lordi pari ad un anno di ingaggio del Flaco.

Con l’addio di Pastore la Roma si libera di un peso importante, ma il risparmio generato non è abbastanza per aspettarsi un altro regalo per Mourinho. Tutto lascia pensare che il mercato in entrata sia finito, e immaginare di chiudere una trattativa per un rinforzo di livello in meno di 24 ore appare complicato. Dunque per un mediano – e un terzino – se ne riparlerà a gennaio.

Per cambiare le carte in tavola bisognerebbe trovare un accordo con Nzonzi ma attualmente non esistono le basi per arrivare ad una rescissione tra il francese e i giallorossi, irritati dall’atteggiamento del giocatore. A Santon non sono arrivate offerte nonostante i sondaggi effettuati nelle scorse settimane da alcuni club turchi, Fazio invece si è messo di traverso e chiede un intero anno di stipendio per lasciare Trigoria mentre Olsen continua a cercare una soluzione convincente insieme al suo entourage. Lo scrive “Il Tempo”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa