Resta in contatto

Approfondimenti

Mille Mourinho

Mourinho

La serata dello Special diventa da leggenda

Tiago Pinto ha detto a Mourinho quello che tutti noi abbiamo pensato e lo abbiamo pensato per tutta la settimana: uno come Mourinho non poteva perdere la gara numero 1000 in carriera. Non poteva perché, se davvero esiste un Dio del calcio, si sarebbe opposto con tutte le sue forze. E forse l’ha fatto. Aggiungendo centimetri alle posizioni in campo di Raspadori e Scamacca o agli scarpini di Rui Patricio. Modificando al punto giusto il tiro a giro di El Shaarawy, che si stampa sul palo ma poi entra, non come il destro di Traorè, che coglie il palo e si allontana rapidamente dallo specchio della porta giallorossa. Perché due gol in fuorigioco sono un credito che devi riconoscere a metà tra la geometria applicata al calcio e la fortuna, ma la fortuna aiuta gli audaci e il più audace di tutti arriva da Setubal.

Nel mentire a sé stesso sull’importanza della partita, della ricorrenza che passa e non torna più, perché mille non le fanno tutti. E in quelle novecentonovantanove volte prima, ci ha sempre creduto un pizzico in più dell’avversario, provando in tutti i modi a trovare il guizzo per regalarsi l’ultima esultanza della partita. Come ieri sera, quando ha risposto al richiamo della Curva Sud, un boato fragoroso, veemente e ipnotico, che ti risucchia e ti rilascia quando tutta la sua potenza si è ormai liberata nell’aria. E non è stata una corsa solitaria la sua: ad attenderlo quel gruppo di soldati che Mourinho sta plasmando a sua immagine e somiglianza. Una squadra che pareggerà e perderà, sicuramente, ma ogni volta proverà a vincere la partita. Come fosse la prima, o la millesima. Perché di partite così ce ne vorrebbero mille, come di Mourinho.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti