Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Festa Roma per Mou

Mourinho

Ieri sera è andata in scena una cena per festeggiare Mourinho, alla presenza dei Friedkin

La Roma rende omaggio al suo leader. Una cena organizzata dai giocatori per celebrare le mille panchine in carriera di José Mourinho. Un’idea che sarebbe dovuta rimanere top secret, ma così non è stato. Nel giro di un’ora circa cento tifosi si sono radunati all’esterno del locale, a caccia di selfie e autografi. Alla cena erano presenti anche Dan e Ryan Friedkin – oltre a Fienga e Tiago Pinto- che si sono seduti sullo stesso tavolo dello Specal One. Il momento clou della serata è arrivato quando Mourino ha preso in mano il microfono per un discorso rivolto ai giocatori. Il portoghese è stato omaggiato con una maglia celebrativa consegnata da Pellegrini e Mancini. La serata si è conclusa in bellezza con le note di “Mai sola Mai” intonata da Marco Conidi.

In mattinata invece, a Trigoria era andato in scena un incontro tra Tiago Pinto e l’agente Pocetta per discutere il rinnovo di Pellegrini: le parti sono fiduciose dopo essere entrate maggiormente nel vivo di una trattativa che sta andando avanti da mesi. La fumata bianca non è ancora arrivata ma in settimana è previsto un nuovo meeting, dove saranno discussi ulteriori tagli.

Intanto ieri la Roma ha inziato la preparazione in vista della sfida contro il Cska Sofia. Mourinho ha ritrovato in gruppo Kumbulla, che ha superato la gastroenterite che l’aveva costretto al forfait contro il Sassuolo. Per l’esordio nel girone di Conference League l’albanese è però destinato alla panchina, con Smalling che ritroverà una maglia da titolare. Vina rifiaterà e lascerà spazio a Calafiori sulla sinistra, ma potrà esserci un turno di riposo anche per Karsdorp, per uno tra Cristante e Veretout è pronto Diawara – e per Abraham, con Shomurodov che scalpita. Possibile impiego anche di Carles Perez ed El Shaarawy. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa