Resta in contatto

Rassegna Stampa

È l’ora del Faraone: El Shaarawy segna sempre, così la Roma-2 vuole stupire

Mourinho

Il Faraone pronto a ripetersi

Mourinho ci ha tenuto più volte a definirlo a tutti gli effetti un titolare, anche se Stephan El Shaarawy la sua prima partita dal via in questa stagione la giocherà solo oggi, alla sesta occasione (e nelle cinque precedenti ha disputato in tutto solo 58 minuti).

Ma nel calcio moderno i titolari sono molti di più degli undici che vanno puntualmente in campo ed ecco allora che il ragionamento torna. Perché El Shaarawy titolare ci si sente davvero e stasera vorrà dimostrarlo un po’ a tutti. Guidando – di fatto – quella che potrebbe essere definita la Roma-2, visto che con lui partiranno dal via anche Smalling e Calafiori e uno tra Villar e Diawara.

Stasera il portoghese non cambierà tutto, ma non porterà neanche 7-8 cambi come era solito fare Fonsecanella scorsa stagione. “Qualcosa cambierò, ma non la struttura della squadra – dice il tecnico – Ci teniamo a questa competizione, vogliamo vincere il girone. E, perché no, anche la coppa“.

E tra quel qualcosa che Mourinho cambierà c’è, appunto, anche El Shaarawy. Che, di fatto, sarà il leader (insieme a Smalling) di questa sorta di Roma-2. “Stefano“, così lo chiama Mou quando deve rimarcare che “è un giocatore intelligente, sa quanto è importante per noi. I titolari non sono 11 e lui lo è. Ha capito che doveva fare un percorso per ritrovare la forma migliore. Perché il talento si vede, ma la forma e l’intensità hanno perso qualcosa tra Cina e infortuni”.

Ed allora stasera toccherà anche ad ElSha guidare la Roma verso la prima vittoria del girone. Con un Olimpico che andrà vicino ancora al sold out, dopo i pienoni (nel rispetto delle capienza attuali) con Fiorentina, Trabzonspor e Sassuolo. Già, il Sassuolo, proprio la squadra con cui El Shaarawy ha segnato il secondo gol stagionale.

E se si considerano quei 58 minuti, Stephan ha la miglior media-gol dei giallorossi (una rete ogni 29 minuti). “Le panchine non mi hanno dato pressione, basta aspettare e farsi trovare pronti – dice – Ho fatto più fatica a ritrovare la condizione atletica che quella mentale: con il Covid in Cina siamo stati fermi 7 mesi e quando sono rientrato in Italia per la nazionale mi allenavo da solo. Quest’anno ho rifatto la preparazione dopo tre anni e mi sento bene“.

“Abbiamo investito molto sull’allenatore, che ha esperienza e qualità – chiude il Faraone – Nell’ambiente c’è tanto entusiasmo, ma dovremo essere bravi a non farci travolgere“. Intanto, però, lui vuole lasciare il segno di nuovo, anche stasera. Esattamente come fece in Europa contro Austria Vienna e Chelsea, nella sua prima era giallorossa. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa