Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou ricarica la squadra: Viña ancora fermo, c’è Micki

Mourinho

Non è successo niente, ricominciamo“. È questo il senso del discorso di Mourinho, prima di analizzare gli errori della partita di Verona

Non è successo niente, ricominciamo“. È questo il senso del discorso che José Mourinho, prima di analizzare gli errori della partita di Verona, ha fatto alla squadra prima della ripresa degli allenamenti a Trigoria.

Mourinho prevedeva in questa fase evolutiva della squadra qualche momento problematico ma ha chiesto ai giocatori di non drammatizzare e di affrontare con leggerezza la partita di domani contro l’Udinese.
Il problema è che dovrà intervenire sulla formazione, perché probabilmente non avrà ancora Viña a disposizione: il terzino sinistro titolare non si è allenato, ha ancora dolore al ginocchio. Oggi verrà presa una decisione definitiva ma con il derby all’orizzonte lo staff medico sembra orientato a non affrettare i tempi.
Al suo posto, Mourinho potrebbe semplicemente confermare Calafiori ma alla luce delle difficoltà difensive della squadra potrebbe invece rilanciare Smalling, spostando Ibañez che “non è un terzino” sulla fascia mancina.  Con questo pacchetto di centrali avrebbe così l’opzione di utilizzare la difesa a tre, tenendo Karsdorp sulla linea dei centrocampisti ed il rientrante Mkhitaryan dall’altra parte a proporsi come alternativa di gioco nella costruzione della manovra.
A prescindere dalla scelta difensiva, comunque, Zaniolo dovrebbe andare in panchina. Non si tratterebbe di una punizione, ovviamente, ma di una logica gestionale. È perciò verosimile che Mourinho contro l’Udinese lasci spazio a Carles Perez, già elogiato la settimana scorsa come alternativa credibile nel ruolo.
Si legge oggi sul Corriere dello Sport
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa