Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma per sempre. Il sì di Pellegrini: “Mi lego alla città e voglio vincere”

Pellegrini

Lorenzo Pellegrini e la Roma hanno ufficializzato il rinnovo di contratto fino al 2026: prosegue la tradizione in casa Roma

Se l’effetto sorpresa era evaporato ai primi sentori dell’estate, il fatto che la Roma e Lorenzo Pellegrini abbiano ufficializzato la prosecuzione del loro matrimonio fino al 2026, è una sorta di cartina di tornasole del progetto che i Friedkin hanno intenzione di costruire.

In fondo, sono proprio le parole di Mourinho a far capire che cosa può significare la Roma per un capitano cresciuto nel mito degli Immortali, cioè Totti (che si è complimentato via social) e De Rossi. Che cosa significa essere un tifoso giallorosso? È una dimostrazione di romanismo. È facile essere tifoso di una squadre che vince, vince, vince. È molto più difficile esserlo di una squadra che fa fatica a vincere.

Ecco, se è vero che gli oltre 4 milioni netti (più facili bonus) porteranno Pellegrini a essere il giocatore più costoso della rosa, Lorenzo ha dimostrato anche il fascino di far parte di una storia che continua. Non potrei provare un’emozione più grande di questa – dice ai media del club il capitano, che al momento della firma, a Trigoria, è stato accompagnato anche dal padre Tonino, dalla moglie Veronica con i figli, così come dagli agenti Pocetta e Ferro –. Sono orgoglioso che il presidente Friedkin e Mourinho mi abbiano sempre fatto sentire importante. È impossibile spiegare questa sensazione. È quello che ho sempre voluto, perché era arrivato il momento di legarmi alla squadra della mia città. L’obiettivo è quello di continuare a migliorare sempre per vincere. Firmare da capitano, poi, è un orgoglio, anche se la fascia va conquistata tutti i giorni cercando di dare il meglio per i compagni“.

Si legge oggi su La Gazzetta dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa