Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo e Miki all’esame di qualità. I Friedkin pronti a pagare la multa per l’inno prima del fischio d’inizio

Friedkin

Qualità cercasi: e se centralmente sarà Lorenzo Pellegrini a garantirla, la Roma ora cerca lo sprint anche sulle fasce

Qualità cercasi: e se centralmente sarà Lorenzo Pellegrini a garantirla, la Roma ora cerca lo sprint anche sulle fasce. Il salto di qualità può arrivare dai settori laterali del campo con Nicolò Zaniolo e Henrikh Mkhitaryan, che insieme a Tammy Abraham possono far sognare i tifosi. Questi i 4 nomi su cui la Roma ha scommesso dall’inizio dell’anno.

E oggi contro l’Empoli, loro ed il resto della squadra, saranno sostenuti dai 30 mila dell’Olimpico. Che intoneranno l’inno ‘Roma Roma Roma’ appena prima del fischio d’inizio, con i Friedkin pronti a pagare l’eventuale multa che arriverebbe. Ha spiegato l’importanza dell’equilibrio, Josè Mourinho, ieri in conferenza stampa. Ma va da sé che un ruolo fondamentale lo giocherà l’attacco.

Ecco perché sarà importante il salto di qualità di Zaniolo e Mkhitaryan. Il classe ’99 ha mostrato segnali di ripresa, mentre l’armeno sembra ancora doversi scrollare di dosso un po’di torpore. Rispetto all’anno scorso con Fonseca, l’ex United in questa stagione è chiamato ad un lavoro diverso, che lo rende meno lucido sotto porta. E se Jordan Veretout sembra certo di una maglia da titolare, la diffida di Cristante accresce le quotazioni di una maglia da titolare per Darboe.

Su cui spunta un retroscena: dopo il match con l’Udinese, lo Special One lo aveva preso da parte e gli aveva detto di farsi trovare pronto. La maglia da titolare non era arrivata nel derby, ma con lo Zorya. E ora potrebbe nuovamente essere il suo momento.

Si legge oggi su Il Messaggero 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa