Resta in contatto

Rassegna Stampa

Le due mosse di Mou per arginare la Juve

Juventus Roma

Ecco tutte le mosse che ha in mano l’allenatore portoghese

I numeri della difesa della Roma non sono certo da buttare via. Con 8 gol al passivo, al momento è la quarta difesa del campionato. Ovvio, però, che le squadre di Mourinho hanno sempre rappresentato una garanzia dal punto di vista dell’impermeabilità difensiva e quindi si pretende sempre di più. Non è un caso, in fondo, che Rui Patricio sia fra i portieri più impegnati del campionato, peraltro cavandosela quasi sempre molto bene. Stasera, però, i rischi cresceranno.

Vero che la Juventus non avrà in avvio né Morata né Dybala (quest’ultimo peraltro neppure convocato), ma con Chiesa e Kean – o in alternativa Bernardeschi – è in grado senz’altro di preoccupare i giallorossi. A quel punto, Mourinho avrà studiato qualche strategia per avanzare il baricentro senza costringere la difesa agli uno contro uno negli spazi aperti.
In ogni caso, da questo punto di vista Ibanez e Mancini danno garanzie di velocità (soprattutto il brasiliano) e quindi la legittima preoccupazione è gestibile.

Con la Juve di Allegri da avversaria, è lecito aspettarsi qualche invenzione, soprattutto in caso di necessità, come l’allargamento di Ibanez a terzino sinistro e l’inserimento di Kumbulla fra i centrali. La difesa sarebbe più coperta, soprattutto se ci fosse da blindare un risultato. Proprio come vorrebbe lo Special One. Lo scrive “gazzetta.it”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa