Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ma tra le grandi di questa serie A la creatura di Mou è ancora bimba

Cagliari Roma

I giallorossi di Mourinho pungono ma non azzannano la Juventus

L’orgoglio e la furia sono un guscio vuoto, se manca il risultato. E sfuma pure a Torino, anche di fronte alla peggiore Juve possibile: oltre questa, c’era solo la Primavera. Ma risale, e proprio la Roma le dà l’ultimo lasciapassare. Nel campionato in cui tutti sono nervosi e rissosi, Mourinho non si nega la sua parte allo Stadium, ma la Roma segna zero punti in classifica, è ancora una bambina tra i grandi.

La Juve ha giocato nell’unico modo che conosce da un mese in qua, sporca e cattiva, difesona a cinque e giù a picchiare con perfidia, se serve. Al punto da arrivare all’enormità di due falli da rigore nel giro di un secondo, e la fretta di Orsato nel fischiarlo, in tempi di norma del vantaggio rispettata a lungo, rimane uno degli enormi punti interrogativi della serata di Torino.

Misteri orsateschi, o dell’insondabile mondo arbitrale. La Roma invece non è un mistero, ha guardato negli occhi la Juve. Poteva specchiarsi in Zaniolo, che purtroppo si conferma di cristallo fuori, come lo è dentro; invece si è raffigurata in Abraham, che si fa sentire, ma più di un certo limite non arriva. Come lei. Mancano parecchi metri per arrivare. Lo scrive “Il Messaggero”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa