Resta in contatto

Rassegna Stampa

Shomurodov, ora serve un segnale

Shomurodov

L’uzbeko torna titolare in Conference League

Non appartiene al circolo dei graduati ma può risalire le gerarchie nel circolo polare. Eldor Shomurodov ha una nuova occasione per dimostrare ciò che sembrava all’inizio della sua avventura alla Roma: un attaccante affidabile, contundente, capace di giocarsi un posto da titolare con tutti i compagni.

Negli ultimi tempi si è un po’ smarrito, ha perso spazio e fiducia, ma Mourinho non vuole trascurarlo perché sa che del suo contributo avrà bisogno anche nelle partite più complicate, magari come innesto dalla panchina.

Shomurodov ha segnato all’esordio, quando Abraham ancora non aveva messo piede a Trigoria, e poi mai più: era agosto, a Trebisonda. Il suo guizzo in area valse la vittoria nel preliminare d’andata di Conference. Da quella sera Shomurodov ha giocato titolare solo contro il Cska e lo Zorya senza riuscire ad inquadrare l’obiettivo. E nell’esperimento di Serie A a Verona da ala sinistra, non ha funzionato affatto.

È evidente che lui, come altri, debba sfruttare la vetrina internazionale per guadagnare credito agli occhi dell’allenatore. Un po’ come fece in Ucraina il giovane Darboe, che giocò un’ottima partita e tre giorni dopo venne confermato contro l’Empoli. Un gol a Bodo può servirgli per ritrovare le buone abitudini. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa