Resta in contatto

Focus

Tra pali, occasioni e statistiche: ecco le prime dieci giornate di Abraham

Mancano i gol del numero 9 della Roma, ma Mourinho non lo ha scelto solo per quello: alcuni numeri dell’attaccante inglese

Da Tammy Abraham ci si aspetta di più di quanto abbia fatto nelle prime 10 giornate. Se l’inglese garantisce un buon apporto alla squadra, anche con un po’ si sfortuna (è primo in Serie A per legni colpiti – 3), in fase realizzata preoccupa il suo rendimento. L’ex Chelsea, infatti, è il peggiore attaccante in Serie A con almeno 700′ in campo. Ha segnato solamente 2 reti in 808 minuti, e con una media di una rete ogni 404′.

I giocatori in Serie A che hanno giocato almeno 700′ sono quattro. Quello che ha giocato di più (898′) ed ha segnato di più e Joao Pedro (7 gol): il capitano del Cagliari ha una media di un gol ogni 135 minuti. In questa speciale classifica rientrano anche Vlahovic (5 reti in 891′) e Arnautovic (3 gol in 794′, ma con una partita in meno). Chiude proprio l’attaccante della Roma.

Un altro dato preoccupante di Abraham riguarda le chance fallite (6): è secondo in Serie A dopo Zapata (8). L’inglese, però, non è stato scelto da Mourinho solo per i gol, ma anche per l’aiuto ai compagni in fase offensiva. Non sono un caso, infatti, i due assist confezionati in campionato, tantomeno i 12 passaggi chiave in stagione (primo in Serie A tra gli attaccanti puri).

 

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus