Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mancini: “È una presa in giro”

Mancini Roma Milan

Il difensore giallorosso protesta al termine del match per le decisioni di Maresca

La rabbia in casa giallorossa è tanta, soprattutto per la direzione di Maresca. E a tuonare con forza è Gianluca Mancini. Un attacco totale. “Condividiamo appieno la rabbia di Mourinho, gli episodi li hanno visti tutti – ha detto il difensore nell’intervista post gara a Dazn – Il rigore di Ibanez non c’era assolutamente, Maresca è stato richiamato al Var ma non ha cambiato idea. Un rigore così in Premier si mettono a ridere. Gli arbitri ci vengono a parlare, facciamo le riunioni, ci dicono di stare attenti con i falli di mano e sembriamo dei pinguini. Dicono che vogliono dare sempre meno rigori e poi ne viene fischiato uno su un contrasto normale con Ibra che neanche calcia. Noi difensori non possiamo più intervenire: non possiamo fare contrasti, dobbiamo tenere le mani dietro la schiena… Meglio che non dico cosa è diventato il calcio“.

Nei minuti di recupero la Roma ha protestato nuovamente e il difensore si è fatto sentire: “C’è un rigore grosso come una casa su Pellegrini, Kjaer gli prende il polpaccio. Così è una presa in giro. Il rigore di Pellegrini deve girare cento volte in televisione per far vedere è nettissimo”. E ancora: “Undici ammonizioni complessivi, e poi ci paragoniamo alla Premier League.. . Ogni fallo un cartellino giallo“. Sulla partita: “Nei primi dieci minuti abbiamo creato delle occasioni, poi loro ci hanno attaccato e siamo andati in difficoltà. Però ne usciamo bene: rispetto allo scorso campionato vedo che la Roma ha consapevolezza maggiore. Le reazioni che abbiamo sono da squadra forte, la mentalità è quella di Mourinho e credo si veda“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa