Resta in contatto

Rassegna Stampa

Moviola Roma-Bodo, l’arbitro è scarso: non ne azzecca una!

La moviola della gara di ieri sera

Ha 36 anni il greco Anastasios Papapetrou, nessuna gara in Champions (2 nei preliminari), 3 in Europa League e il debutto ieri in Conference: è diventato internazionale nel 2016, non un biglietto da visita di prim’ordine. Modesto e scarso, Konradsen era quasi da rosso (neanche il giallo) dopo appena 13’, il braccio di Moe è rigore anche al corso arbitri (dedicato a chi critica il VAR), c’è anche quello di Konradsen, e su Mancini… Per fortuna c’è la GLT sul 2-2, ma Ibañez è in gioco rispetto a Lode?

Cross di Abraham, Moe colpisce con il braccio sinistro larghissimo. Ancora un cross, stavolta è Konradsen con il braccio destro largo, pallone forse anche sulla parte esterna del busto. Moe trattiene Mancini, fischia fallo in attacco Papapetrou: non diteglielo, magari non clamoroso ma poteva starci il rigore. Konradsen cerca il pallone, ci va in scivolata, finendo per colpire con il piede a martello la tibia di Veretout: siamo da “arancione” (che non esiste) tendente al rosso (mette a repentaglio l’incolumità dell’avversario). Il problema è che non arriva neanche il giallo. Bjorkan tampona Zaniolo in area di rigore, il giallorosso si piazza e aspetta l’urto, il giocatore del Bodo è ingenuo, magari la dinamica ha ingannato l’arbitro, ma ha rischiato. Lo scrive Il Corriere dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa