Resta in contatto

Rassegna Stampa

Delvecchio: “Calmi, ricordiamoci come iniziò Capello…”

Mourinho Roma Napoli

L’attaccante della Roma dello scudetto predica pazienza

Il giorno dopo il 2-2 con il Bodo Glimt non c’è né la rassegnazione dopo un’eliminazione né la sensazione che la stagione sia già andata a rotoli. La sensazione, però, è che si debba trovare un rimedio e anche in fretta. La maggioranza dei tifosi si fida ancora di José Mourinho, ma le ultime prestazioni hanno fatto suonare l’allarme.

Sul giudizio a proposito della gara col Bodo e su tutto quello che si è detto nelle ultime 24 ore hanno inciso anche i rigori non concessi: “Due rigori chiari, ma non devono esserci alibi – dice Roberto Pruzzo – La qualità del gioco non è un granché e la condizione fisica di alcuni giocatori è carente. Non so, però, se Mourinho stia antipatico a qualcuno. In Italia probabilmente a tanti, ma in Europa pensavo la musica fosse diversa“.

Da un campione d’Italia 1983 a un altro, Sebino Nela: “La Roma forse sul piano del gioco ora non entusiasma, ci sono giocatori non al top e si fa sentire l’assenza di SpinazzolaAbraham? Dà l’impressione di essere stanco, ha bisogno di tirare il fiato. Ha qualità, ma deve stare sempre bene“.

Uno scudetto l’ha vinto anche Marco Delvecchio, e in panchina c’era un altro vincente come Fabio Capello: “Mourinho non ha la bacchetta magica, ha bisogno di tempo e di giocatori. Noi eravamo una buona squadra il primo anno, non vendemmo nessuno e con Batistuta, Emerson e Samuel sapete come è andata a finire“. Lo scrive Il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa