Resta in contatto

Giallo&Rosso

Da Venezia a Bologna. Chi te lo fa fare? La passione per la Roma

Pensieri giallorossi dopo la trasferta di Venezia

21 ore e trenta minuti circa.
21 ore di passione , di autogrill, di caselli autostradali, di limiti di velocità, di parcheggi a pagamento, di rifornimenti di benzina, di tragitti per lo stadio (a proposito: Venezia non è una trasferta tranquilla), di vaporetti per il ritorno e di nuovo di autostrade ed autogrill.
La solita domanda: chi te lo fa fare?
La solita risposta: la passione.

Vedere i calciatori che scendono dal vaporetto, chiamare Mou che ti saluta, arrabbiarsi durante la partita, per poi gioire, quindi deprimersi. Riprendere il vaporetto insieme alle solite facce, sentirne le battute, mai solite, mai scontate. “Ahò ma che nnamo a remi?“ oppure “Punta Anzio” e ancora al poliziotto che ti dice: “State qui che vado a bonificare l’area” arriva la risposta geniale: ”Visto che bonifichi, famme un bonifico pure a me“. Tutto questo è andare in trasferta e non conta perdere, e non conta il solito furto, conta solo una cosa: “A rega’, la prossima è Bologna: treno o macchina?”.

(A cura di Paolo Amici)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Giallo&Rosso