Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

L’Italia resta a secco, la Svizzera ne fa 4: gli Azzurri si giocano il Mondiale agli spareggi

Gli Azzurri di Mancini non riescono a sfondare il muro difensivo irlandese

La partecipazione al Mondiale in Qatar da parte dei Campioni d’Europa rimane ancora in dubbio: l’Italia di Mancini non va oltre lo 0-0 a Belfast con l’Irlanda del Nord, ne approfitta la Svizzera di Yakin che ne fa 4 alla Bulgaria e strappa il pass mondiale. Gli Azzurri terminano secondi e vanno agli spareggi.

Ora l’Italia di Mancini aspetta di conoscere il proprio girone: a determinare i gironi sarà un sorteggio, che si terrà il 26 novembre 2021, alle 17, a Zurigo. Si darà vita così a tre “gruppi” o “percorsi” (A, B, C) da 4 squadre ciascuno (due teste di serie e due non teste di serie in ogni gruppo). Le due teste di serie affronteranno le due non teste di serie in semifinale (gara unica), e le vincenti si scontreranno in finale (gara unica). Le semifinali dei tre gironi (due per girone, sei in tutto) si giocheranno il 24 e 25 marzo; il 28 e il 29 invece si giocheranno le tre finali.

TABELLINO

IRLANDA DEL NORD (3-5-2): Peacock-Farrell; Flanagan, Evans, Catchart; Dallas, McCann, Davis, Saville (dal 72′ C. Evans), Lewis; Whyte (dal 72′ Washington), Magennis.
A disp. Hazard, Southwood, Bradley, McGinn, Taylor, Ferguson, Jones, Galbraith, Brown.
CT Ian Baraclough.

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Acerbi, Emerson (dall’81’ Scamacca); Barella (dal 64′ Belotti), Jorginho (dal 68′ Locatelli), Tonali (dal 46′ Cristante); Chiesa, Insigne (dal 68′ Bernardeschi), Berardi.
A disp. Meret, Cragno, Zappacosta, Ferrari, Pessina, Mancini, Raspadori.
CT Roberto Mancini.

ARBITRO: Istvan Kovacs (ROM).

AMMONITI: Tonali (I), Magennis (N).

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News