Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mise-Dazn, l’incontro slitta a domani

Dazn

L’incontro in programma oggi è stato spostato a domani

Spostato di un giorno l’incontro fra i vertici Dazn e il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Questioni di agenda avrebbero determinato lo slittamento a domani alle 9 di questo incontro previsto per oggi pomeriggio e annunciato la scorsa settimana con la convocazione al Mise dei “vertici di Dazn per fare chiarezza, a tutela dei consumatori, anche sulle ultime decisioni dell’azienda che detiene i diritti tv del calcio di serie A”.

Al centro dell’attenzione la questione della “concurrency”: la visione di due stream contemporanei da località diverse con un unico abbonamento. Daznera pronta a mettere fine a questa possibilità. Una decisione presa in risposta a un meccanismo di condivisione di password inizialmente tollerato ma che poi, secondo i monitoraggi di Dazn, avrebbe prodotto un’accelerazione poco controllabile di abusi contrattuali (visioni non solo in famiglia). Le proteste e la convocazione del Mise hanno però convinto la piattaforma a desistere. Un dietrofront fatto, ma sottolineando il problema, insieme a quello della pirateria, e confermando la volontà di intervenire in qualche modo all’inizio della prossima stagione. Lo scrive Il Sole 24 Ore.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa