Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’inquietudine di Zaniolo: c’è ancora posto per lui?

Trigoria Zaniolo

C’è spazio per Zaniolo?

Rispetto ai dolori del 2020, fisici e psicologici, questa è quasi un’inezia. Ma Nicolò Zaniolo non sta vivendo un momento facile. Durante l’allenamento di lunedì scorso, a Trigoria, ha avuto un vivace battibecco con José Mourinho. Cose di campo, per carità: una rincorsa in meno, un rimprovero in più, la risposta piccata. La Roma, raccontano, è una famiglia. Tutto già superato, tanto è vero che nei giorni successivi Zaniolo ha spinto al massimo senza l’allenatore potesse lamentarsi. Ma il problema adesso è tattico: se Mourinho insisterà con la difesa a tre, e con il doppio centravanti, dove potrebbe giocare Nicolò? Ma anche tornando al 4-2-3-1, o al 4-1-4-1, la posizione di esterno destro è adatta alle sue caratteristiche?

Da un punto di vista atletico, anche considerando la doppia operazione alle ginocchia, Zaniolo è completamente recuperato. Lo stesso Mourinho, quando parla di lui, sostiene che il peggio sia passato. Ma dopo averlo scelto, infilandolo nell’élite dei fedelissimi, lo ha escluso dalla formazione di Venezia, seguendo la sua ricerca strategica di efficienza offensiva ed equilibrio strategica di efficienza offensiva ed equilibrio difensivo. Adesso la sensazione è nitida: visto che Pellegrini sta recuperando e sta facendo il massimo per essere disponibile contro il Genoa, nello schieramento a due punte con Shomurodov e Abraham un posto per Zaniolo non ci sarebbe. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

20 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa