Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho ha deciso: Cristante in difesa

Lo Special One si affida alla duttilità del numero 4 giallorosso

Pellegrini sta meglio e vuole giocare. È stato lui, con il solito senso di appartenenza, a dare la disponibilità a Mourinho. Il ginocchio si è sgonfiato, la situazione è sotto controllo. Ma c’è un’altra certezza in vista della partita con il Genoa: la Roma andrà avanti con la difesa a tre, con Cristante arretrato come ai tempi di Fonseca.  A un giorno dalla sfida da amarcord contro Shevchenko, con il quale i rapporti al Chelsea non furono idiliaci, Mourinho sembra orientato a confermare in blocco (o quasi) la formazione che aveva a suo dire “dominato” il Venezia, a dispetto della sconfitta.

L’unica novità è l’esclusione di Kumbulla che dopo l’infortunio riportato in nazionale ha fatto un solo vero allenamento. El Shaarawy, in attesa del recupero di Vina che ancora non sembra al cento per cento, farebbe l’esterno sinistro a tutta fascia e l’esperimento del doppio centravanti, l’ex Shomurodov con Abraham, sarebbe ripetuto: in fondo è la cosa che aveva funzionato meglio. Ma resta anche l’ipotesi B, il rilancio di Nicolò Zaniolo, in una sorta di 3-4-2-1, anche questo diretto discendente di Fonseca. Con il doppio trequartista sarebbe Shomurodov a cominciare la partita in panchina. Lo spostamento di Cristante in difesa apre un vuoto a centrocampo. Potrebbe essere coperto da uno tra Diawara e Villar, ieri epurati e stavolta tornati preziosi per comporre la formazione. Dipenderà anche dalla valutazione sull’attacco, per questioni di stabilità difensiva: con il doppio centravanti ha più possibilità Diawara, viceversa Villar può aumentare la qualità del palleggio. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa