Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Nove gare per rialzarsi

Dal 21 novembre al 22 dicembre: la Roma in un mese deve rimanere aggrappata al quarto posto in attesa di gennaio

Un mese per rialzarsi e rimettersi in carreggiata. Domani sera a Marassi la Roma inizia l’ultimo tour de force prima della sosta natalizia e (soprattutto) dell’inizio della prossima sessione di mercato, in cui Tiago Pinto dovrà colmare le lacune della rosa giallorossa. Nove partite in trenta giorni per cercare di recuperare posti in classifica e rimanere attaccati al gruppo che fino alla fine si giocherà un posto in Europa: dopo la trasferta di Genova il mese di novembre si concluderà con i due impegni casalinghi contro Zorya e Torino. Mercoledì primo dicembre invece si tornerà in campo a Bologna per il turno infrasettimanale, prima del big match dell’Olimpico con l’Inter fissato tre giorni dopo. La settimana successiva i giallorossi voleranno in Bulgaria per l’ultima gara del girone di Conference League contro il Cska Sofia: trasferta non proprio agevole soprattutto se affrontata in pieno inverno. Pellegrini e compagni avranno comunque a disposizione un giorno di riposo in più per recuperare dal viaggio di ritorno. Lunedì 13 infatti la Roma ospiterà lo Spezia nel monday night prima dello scontro diretto con l‘Atalanta in programma a Bergamo il sabato successivo. Il 2021 romanista si chiuderà mercoledì 22 dicembre, quando all’Olimpico arriverà la Sampdoria per l’ultima gara del girone d’andata.

Un mini-ciclo intensissimo, ma che rappresenta la giusta occasione per ritrovare continuità e tornare la Roma che nelle prime sei giornate aveva mantenuto un passo e una media gol da top club europeo. Escluse Atalanta ed Inter – considerate dallo Special One tra le squadre con una rosa superiore alla sua – le altre avversarie sembrano tutte alla portata dei giallorossi, che con sette vittorie chiuderebbero l’anno con 34 punti in Serie A e con la qualificazione alla fase ad eliminazione diretta in Conference. Intanto per il match con il Genoa il tecnico ha recuperato Pellegrini e Kumbulla – anche ieri si sono allenato in gruppo – mentre Smalling non verrà convocato. A fare chiarezza sulle condizioni degli infortunati sarà Mourinho, che alle 16 risponderà alle domande dei giornalisti in conferenza stampa prima della partenza per Genova. Capitolo mercato: in attesa di novità sul fronte Zakaria, in Inghilterra il nome di Xhaka è tornata ad essere accostato alla Roma. Il giocatore però ha da poco rinnovato con l’Arsenal e non ci sono possibilità per un suo addio ai Gunners durante la prossima finestra di mercato. Per la fascia destra la priorità resta Dalot – che ha dato l’ok ad un ritorno in Italia – ma per il portoghese molto dipenderà dalla disponibilità del Manchester United, che dovrebbe accettare il prestito con diritto di riscatto proposto da Pinto. Portare il prima possibile un nuovo terzino a Trigoria è la priorità, la trattativa con gli inglesi però rischia di andare per le lunghe. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa