Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ora Tiago Pinto insegue Kostic

L’esterno serbo ha cambiato agente e vuole lasciare l’Eintracht

Mourinho aspetta il mercato di gennaio per avere a disposizione un altro centrocampista e un terzino destro, Tiago Pinto lavora per trovare gli elementi giusti per rinforzare la squadra ma con un occhio monitora anche quelle che possono diventare vere e proprie occasioni di mercato. Una di queste porta a Filip Kostic, vero pallino del gm giallorosso e giocatore già cercato in estate ma senza poter portare avanti un affondo decisivo per le tante spese che la Roma ha dovuto sostenere in altri ruoli del campo.

Ma adesso qualcosa potrebbe cambiare soprattutto perché il giocatore vuole lasciare la Germania e approdare in Italia già nel mercato di gennaio. Non è un caso quindi che l’attaccante esterno abbia cambiato procuratore, affidando adesso i suoi interessi all’agenzia di Alessandro Lucci. Una scelta che ha come obiettivo lo sbarco in Serie A, dove non mancano certo gli estimatori: Roma, Inter a Lazio lo seguono da questa estate. I nerazzurri lo vorrebbero per sostituire Perisic, Pinto lo segue per sostituire Mkhitaryan. In estate ma chissà, forse già da gennaio. Il prezzo è di dieci milioni, la Roma insegue le altre pretendenti ma non ha chiuso definitivamente la porta. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa