Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mkhitaryan: “Oggi la squadra ha dimostrato di voler vincere. A Felix dico di non perdere la testa”

Le parole del 77 giallorosso dopo la grande prestazione di Marassi

Henrikh Mkhitaryan ha parlato ai microfoni di Dazn al termine della partita. Queste le sue dichiarazioni:

Mourinho ti ha definito il migliore in campo

“Grazie per le parole e ai miei compagni perché oggi era una squadra che lottava e che voleva vincere. Nel primo tempo abbiamo avuto occasioni per segnare e menomale che nel secondo tempo siamo migliorati e abbiamo segnato quasi alla fine”.

La partita l’ha risolta un bambino di 18 anni, che consiglio vuoi dargli?

“Di non perdere la testa, ha 18 anni ed è importante imparare a lavorare. Fare due gol non significa che avrà una carriera grandissima ma deve lottare e prendere fiducia. Tutti noi lottiamo per la squadra e anche lui deve fare lo stesso”.

Come vi ponete? Avete capito che campionato potete fare?

“Le aspettative sono alte, vogliamo arrivare il più alto possibile. All’inizio volevamo arrivare entro le prime quattro, il campionato è lungo e ci saranno squadre che perderanno punti. Dobbiamo giocare meglio perché il mese scorso abbiamo perso tanti punti. Dobbiamo essere più concentrati e la testa sempre alta”.

Mourinho ha detto che regalerà un paio di scarpe a Felix, voi avete già pensato a qualcosa?

“Lui deve regalare qualcosa a noi, alla squadra (ride, ndr)”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra