Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Riecco Micki al centro della Roma

Prestazione sontuosa dell’armeno a Marassi: quando è nel cuore della manovra brilla la stella di Micki

La sorpresa è restare sorpresi, a volte. Se Felix ha meritato a buon diritto la copertina che si deve all’uomo partita, niente sarebbe successo se a Genova la Roma non avesse riassaporato la classe la determinazione di Hernikh Mkhitaryan, vero diavolo destabilizzatore di un equilibrio definito.

Dopo un mese in inspiegabile assenza, la sua improvvisa accelerazione ha creato le premesse della vittoria quando ormai Shevchenko credeva a un debutto fortunato. “È stato il migliore in campo“, osserva Mourinho che lo ha rilanciato contro ogni previsione nel momento più delicato, tra infortuni e Covid. È stata la classica necessità che si trasforma in virtù perché senza il problema di Cristante, quasi sicuramente, Mkhitaryan contro il Genoa non avrebbe giocato titolare.

E invece, sulla scia della tripletta dello scorso campionato, la sua serata è stata quasi perfetta. La parola “quasi” è dovuta essenzialmente al gol annullato, per il quale Mick non aveva alcuna colpa: il tiro, colpendo la mano di Abraham, è diventato irregolare. Ma se anche non fosse stato aggiustato da una deviazione sarebbe finito in porta, perché Sirigu non l’aveva neppure visto partire. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa