Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Più di 35.000 cuori. E finalmente l’inno

Cornice importante per il match di Conference League

La Roma ha avuto ragione. L’inno di Antonello Venditti può essere diffuso dagli altoparlanti dell’Olimpico prima dell’inizio della partita, grazie alla battaglia che la società giallorossa ha intrapreso con la Lega, senza mai indietreggiare, neanche quando è andata davanti alla Procura federale per aver violato il cerimoniale previsto dalla Lega.

Quel giorno, un paio di settimane fa, Tiago Pinto, accompagnato dal segretario Maurizio Lombardo, ha spiegato che si rischiava di penalizzare i tifosi. Adesso nel rispetto del cerimoniale e dopo l’inno della Serie A “O Generosa”, che va sul campo prima di ogni partita, tutte le società potranno mandare per un minuto qualsiasi brano musicale. Questo è stato stabilito dalla Lega che all’inizio della settimana ha inviato una informatica per comunicare che il cerimoniale poteva essere modificato.

L’inno risuonerà allo stadio al termine del sorteggio tra i capitani e quando sfumerà potranno essere i tifosi, come è accaduto in passato, a continuare a cantarlo mentre sfumeranno le note prima del fischio di inizio.

Anche in questa vicenda la Roma ha dimostrato attenzione nei confronti dei tifosi, Tiago Pinto ha portato avanti questo contenzioso in prima persona, in sintonia con la proprietà, anche a costo di andare allo scontro con la Lega.

I tifosi torneranno all’Olimpico dopo la sconfitta con il Milan e anche stasera riempiranno lo stadio. Per la partita contro lo Zorya sono previsti oltre 35.000 spettatori, mentre per domenica contro il Torino si supererà quota 45.000. L’effetto Mourinho continua. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa