Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo e Abraham, una nuova coppia per l’attacco della Roma

La coppia inedita funziona: entrambi in gol

Quel percorso, Totti lo aveva fatto a 29 anni. A 22, Zaniolo potrebbe essersi finalmente trasformato da esterno, trequartista, incursore, in attaccante pure. Trovando anche il gol, il secondo della sua stagione.

L’ultima rivoluzione di Mourinho, è questa: una nuova coppia d’attacco. Il biondo sfrontato non più costretto a inseguimenti sulla fascia, e il gigante inglese Tammy Abraham. E molto più dei 2 gol che ha segnato nel 4-0 al modesto Zorya, il numero 9 è sembrato meno solo, supportato, persino capito, da un ragazzo come Zaniolo, che ha più o meno la sua età, tanto talento e capacità fisiche utilissime, vicino alla porta.

L’assist del numero 22 per il primo gol del centravanti britannico è l’immagine di copertina di questa nuova formula, in cui due che fino a ieri giocavano in attacco – Mkhitaryan, addirittura Carles Perez – fanno e bene le mezzali di centrocampo, in cui El Shaarawy s’è scoperto una discreta replica di Spinazzola (con assist delizioso proprio a Perez) e in cui, con Smalling finalmente tornato a disposizione, anche la difesa a tre che Mourinho non ama pare però restituire maggiore solidità e addirittura più convinzione.

Qualificazione aritmetica, anche se il Bodø resta davanti: così la Roma giocherebbe un turno di playoff contro una delle terze dell’Europa League. Decisiva l’ultima, con la Roma a Sofia e i norvegesi in casa dello Zorya.  Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa