Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La nuova Roma intriga Mourinho

Domani lo Special One riproporrà ancora il modulo con la difesa a 3 e la coppia d’attacco Zaniolo-Abraham

Quando la svolta arriva grazie all’emergenza. Una situazione tipica del calcio si apre nelle mani di Mourinho, che sprovvisto di terzini sinistri si è inventato una Roma con El Shaarawy esterno, tre centrali difensivi e due punte ottenendo prestazioni migliori e risultati: dopo il suicidio di Venezia, le due vittorie convincenti contro Genoa e Zorya fanno pensare che i giallorossi, almeno in questo momento, si ritrovino meglio in campo col nuovo assetto. Ecco perché i sussurri trigoriani raccontano come lo Special One non abbia la minima intenzione di cambiare domani sera contro il Torino. E se il 3-5-2, che in fase di possesso diventa 3-4-1-2, diventasse addirittura lo schema fisso? A sentire Mourinho l’ipotesi è remota, ma il portoghese è un uomo pragmatico e deciderà strada facendo. La Roma ridisegnata sta funzionando soprattutto grazie al sacrificio di El Shaarawy, l’equilibratore in grado di garantire la corsa necessaria per coprire tanti metri di campo e di fornire la qualità necessaria negli ultimi metri.

Certo, un conto è difendere contro il Genoa e lo Zorya e un altro sarà farlo con avversari più attrezzati, ma il Faraone può diventare la pedina giusta da confermare in quel ruolo aspettando il rientro di Spinazzola. A beneficiare dell’assetto modificato da Mourinho sono senz’altro i centrali difensivi, che si sentono più coperti, Mkhitaryan si esprime meglio da mezzala piuttosto che da esterno puro nel 4-2-3-1 ma sono soprattutto gli attaccanti a sembrare rigenerati. Giovedì Abraham ha trovato l’intesa ideale con Zaniolo: un tandem offensivo giovane e intrigante che merita la conferma. Tutto lascia pensare che, acciacchi di Zaniolo permettendo (ha accusato un lieve fastidio al polpaccio con gli ucraini), contro il Torino toccherà di nuovo a loro, mentre Shomurodov e Felix possono diventare due carte da giocarsi nel corso del match. Il vero dubbio riguarda la mediana, dove mancherà un uomo fondamentale come Veretout (è squalificato) e Cristante non potrà sostituirlo, dovendo ancora negativizzarsi dal Covid come Villar. Darboe è favorito su Diawara, più difficile pensare all’avanzamento di Mancini a centrocampo. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa