Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Preferisco vincere così che 5-0. Questa è la vittoria di Diawara, di Carles Perez, di questo gruppo”

Il tecnico giallorosso Josè Mourinho analizza ai microfoni di Dazn la gara contro il Torino di Juric: le sue parole

Josè Mourinho si presenta davanti ai microfoni di Dazn, nel post partita di Roma-Torino, per analizzare il match dell’Olimpico contro gli uomini di Juric. Ecco le sue dichiarazioni:

Il ritorno di Smalling?
“È un giocatore top con tanta esperienza, ma dobbiamo gestirlo per la sua storia degli infortuni. Siamo stati solidi, però posso dire che Karsdorp ha giocato bene come non mai, El Shaarawy pensavo fosse solo un giocatore offensivo, invece è un fantastico giocatore di panchina che può entrare e fare bene, ora trovo un giocatore che fa questo lavoro. Abbiamo avuto tante sconfitte, ma non ho mai avuto feeling negativo con loro, questa è la vittoria della squadra, di Diawara che non gioca mai, di Perez che gioca poco, di Mkhitaryan che è stato ammazzato dai giornali, è la vittoria della gente. Ci sono squadre top avanti e dietro a noi, però mercoledì abbraccerò il mio amico Sinisa Mihajlovic e sarà una partita difficile”.

Tra sei giorni c’è Roma-Inter.
“Preferisco non pensarci, ora c’è il Bologna poi mi preparerò emozionalmente alla sfida contro l’Inter, in quella squadra c’è la mia storia”.

Il feeling tra Zaniolo e Abraham?
“Alcuni giovani stanno sempre insieme e si crea feeling. Il gruppo è fantastico, poi c’è un gruppo più piccolo fantastico anche quello. Zaniolo ha potenza fisica e tecnica, però sarebbe sbagliato non parlare di Borja Mayoral e di Felix che sono fantastici. Davanti abbiamo soluzioni, mentre ora abbiamo poche soluzioni a centrocampo, Pellegrini purtroppo starà fuori qualche settimana”.

La chiave tattica?
“Quando giochi contro una squadra che difende a uomo, se non hai mobilità è più facile per loro. Per noi è stato importante abbassare Zaniolo, Mkhitaryan che cambiava di lato con Perez, delle volte andava sulla fascia per creare una scelta in più. Se hai un uomo che ti pressa, puoi sbagliare. Era importante difendere bene perché il gol sarebbe arrivato. Abbiamo marcato bene, mi piace questo tipo di vittoria, abbiamo dominato contro il Genoa, contro lo Zorya mentre oggi è stata una partita diversa”.

Era programmato vedere una Roma così bassa?
“Non molto, però l’idea era quella. I due difensori centrali si allargavano tanto e non è facile per noi pressarli, dovevamo aspettare l’uscita di Mkhitaryan, di Perez e fare un blocco più basso. Sappiamo che loro sono forti fisicamente e in difesa, ma noi abbiamo il fisico di Zaniolo e Abraham, poi Mkhitaryan ed El Shaarawy. Mi piace tanto vincere così, mi fa più piacere di un 5-0 perché ho visto lo sforzo del gruppo. Cristante è out, Veretout squalificato, Pellegrini si è fatto male ma Diawara ha fatto una partita equilibrata, Mkhitaryan è stato assurdo, Perez ha fatto un lavoro incredibile in una posizione non sua. Sono contento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra