Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

A tutto Abraham

Gol da tre punti per l’attaccante giallorosso: il terzo in tre giorni

La Roma resta agganciata al quinto vagone del treno scudetto: decide una micidiale percussione di Mkhitaryan rifinita con un assist per Abraham che non sbaglia la rasoiata da tre punti. Mourinho dispensa ottimismo e sorrisi, arrivando persino a dire che “Preferisco queste vittorie sofferte alle goleade perché è contro avversari di qualità che viene fuori il carattere e l’unione di una squadra“. Nel giorno in cui mancano i centrocampisti, il tecnico rilancia Diawara e chiede un sacrificio collettivo adottando un atteggiamento molto cauto sul piano tattico. Tutti dietro, molto bassi, ad aspettare gli spazi concessi dall’avversario.

Per mezz’ora la Roma subisce un Toro manovriero che occupa in forze la metà campo avversaria e costruisce in questa fase di predominio due occasioni da rete, ma è a questo punto che la Roma capisce che deve graffiare. Il grosso merito che va ascritto agli uomini di Mou è la capacità di capitalizzare la prima occasione offensiva. Al minuto 32 Mkhitaryan sforna il suo assist al bacio e Zaniolo lo perfeziona con una finta intelligente, permettendo ad Abraham di agganciare in mezzo all’area: impossibile mancare la porta.

Cancellato un penalty prima concesso per fallo netto di Buongiorno su El Shaarawy, dopo cinque minuti di consultazioni annullato per un millimetrico fuorigioco di rientro di Abraham. Nella ripresa si ripete il copione della prima parte. I cambi di Juric non sortiscono l’effetto sperato per l’organizzazione difensiva di una Roma tosta, determinata a difendere i tre punti in attesa di far visita al Bologna e di ricevere poi l’Inter nel match di Mourinho contro il suo eroico passato nerazzurro. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa