Resta in contatto

Rassegna Stampa

Riecco Totti, tra nostalgie e speranze

L’ex capitano giallorosso protagonista della serata dell’Olimpico

Galeotto lo sponsor della Roma, che li ha fatti riavvicinare. Questo intanto è certo: la Roma e Francesco Totti si sono riavvicinati. E poi, chissà se torneranno ad unirsi definitivamente. La serata all’Olimpico, da Francesco, non è stata certo vissuta come un estraneo, un semplice ospite. Come uno lontano anni luce dalla Roma. Di sicuro oggi non è un nemico, come si è sentito per qualche tempo, fino a dover scappare dal club, nel quale è cresciuto.

A Trigoria e il capitano stesso minimizzano, che non c’è un futuro insieme al meno per il momento e che questo riavvicinamento non è l’inizio di  nulla di particolare. E magari è così. Del resto, all’ex capitano non interessa un ruolo immagine della Roma, questo lo ha sempre dichiarato, spera in un ruolo operativo. Per ora entra dalla porta secondaria, tramite lo sponsor giallorosso: comunque è in casa.

L’auspicio di tanti è che Totti rientri in società, perché lui e la Roma sono una cosa sola e l’ultima notte all’Olimpico lo ha dimostrato per l’ennesima volta  La presenza di Francesco allo stadio, con questa proprietà, è comunque una primizia .Da quando ha lasciato la Roma, giugno 2019 con quella conferenza stampa fiume al Coni, è la seconda volta che appare. La prima, nell’ottobre dello stesso anno: era un Roma-Milan.

I tifosi allo stadio lo hanno accolto come ai vecchi tempi, con i cori a lui sempre dedicati da giocatore, e hanno parlato come se sapessero tutto, come se volessero rivelare un futuro. Lo hanno fatto a modo loro, con uno striscione significativo: “Totti e De Rossi simboli del popolo romanista, bentornati a casa“.

Così, come se il suo ritorno a casa fosse scontato, anche per Daniele, presente pure lui all’Olimpico. E anche qui, chissà. Come nasce la serata d’onore, l’incontro, è cosa nota: lo sponsor della Roma, Digitalbits, affida all’immagine dell’ex capitano (è il primo di una serie di volti noti, di ex giocatori) le proprie fortune e domani sarà ufficiale, con una conferenza stampa, che vedrà protagonista proprio Francesco come Ambassador di Digitalbits: Totti guadagnerà almeno 5 milioni di euro complessivi grazie a una collaborazione pluriennale e potrebbe salire fino a 8 nel corso degli anni.

La Roma, avvisata dallo sponsor della presenza del capitano all’Olimpico, ha predisposto un’accoglienza con i fiocchi.Totti si presenta allo stadio – dove mancava da due anni – un’ora prima della partita. Torna padrone di casa: va a salutare i ragazzi nello spogliatoio (compreso il suo assistito Cristian Volpato, che Mou farà esordire contro l’Inter), un in bocca al lupo di rito, poi su, verso la tribuna, dove ad attenderlo c’è la proprietà, Dan e Ryan Friedkin, con i quali sarebbe stato avvistato ieri sera a cena e che gli hanno dato il classico “bentornato a casa”.

Un brindisi, due chiacchiere e poi in tribuna. Totti siede nel palchetto dello sponsor, poco sopra c’è la proprietà della Roma, vicino a lui c’è il Ceo Pietro Berardi. Si affaccia verso i tifosi, saluta, si emoziona. Per lui solo applausi. Totti resta nel cuore di tutti, al di là dei ruoli. Ma c’è chi è disposto a scommettere che domani annuncerà il suo ritorno nella Roma, nella conferenza stampa – alla Lanterna di Fuksas – che lo sponsor ha organizzato per presentare il suo ruolo di ambasciatore di Digitalbits. Staremo a vedere. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa