Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 13 dicembre 1946: nasce a Cinisello Balsamo Pierino Prati (FOTO)

L’ex attaccante ha militato in giallorosso dal 1973 al 1977

Il 13 dicembre 1946 nasce a Cinisello Balsamo (MI), Pierino Prati. Soprannominato “Pierino la peste“, l’attaccante lombardo cresce nel settore giovanile del Milan. Si mette in luce praticamente da giovanissimo, a 19 anni, in prestito alla Salernitana in Serie C, segnando 10 reti e contribuendo alla promozione in Serie B. Dopo l’annata in Campania torna al Milan, squadra alla quale legherà maggiormente la sua carriera. Nella stagione successiva, 1966-67, dopo solo due presenze in rossonero, il club lo manda in prestito al Savona, in B. Anche qui Pierino Prati lascia il segno: 15 reti in 29 presenze.

Dal 1967 al 1973 gioca e diventa un punto fermo del Milan: in Serie A collezionerà 143 presenze con la maglia rossonera, condite da 72 reti, con il picco di 19 raggiunto nella stagione 1970-1971 e il titolo di capocannoniere nella prima stagione al Milan con 15 reti, oltre alle tre reti segnate nella finale di Coppa Campioni all’Ajax. In rossonero vince tutto: uno scudetto (1967-1968), due Coppe Italia (1971-1972 e 1972-1973), due Coppe delle Coppe (1967-1968 e 1972-1973), una Coppa dei Campioni (1968-1969) e una Coppa Intercontinentale (1969). Da calciatore rossonero ha vinto anche l’Europeo 1968 con l’Italia ed è arrivato secondo nel Mondiale del 1970 in Messico.

Dopo 209 presenze e 102 reti in tutte le competizioni, si trasferisce alla Roma nel 1973. Vi rimane fino al 1977, ma nonostante la sua presenza i capitolini non portano a casa nessun trofeo. In giallorosso scende in campo 82 volte, segnando 28 reti. Chiuderà la carriera al Savona, dopo essere passato per la Fiorentina e per gli statunitensi del Rochester Lancers. Pierino Prati è scomparso il 22 giugno 2020: la Roma lo ha celebrato giocando con il lutto al braccio nella partita contro la Sampdoria del 24 giugno (la prima post-lockdown), mentre l’UTR ha affisso uno striscione: “Pierogol, i tifosi della Roma ti ricordano con affetto

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord