Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Santoro risponde a Bartoli: “Per storia e tradizione, da voi nessuna lezione” (FOTO)

Parla la giocatrice della Lazio dopo le storie di Elisa Bartoli

Martina Santoro risponde ad Elisa Bartoli. La leader della Roma Femminile – uscita vincitrice dal Derby disputato ieri – aveva accusato sulle sue Instagram stories i tifosi laziali, rei di aver rigato la carrozzeria dell’auto del difensore romanista.

La giocatrice della Lazio ha risposto allo stesso modo sui social, andando ad accusare Bartoli di mancanza di rispetto.

“Ho avuto modo di leggere quanto scritto da Elisa Bartoli sulle vicende ‘extra calcio’ accadute ieri nel post partita”, si legge nel messaggio della calciatrice. “Innanzitutto ci tengo a dire che sono molto dispiaciuta, sono cose che non dovrebbero succedere, atti di vandalismo da condannare senza deroga. Allo stesso tempo, però, credo sia necessario fare chiarezza su alcuni punti. Le persone lì presenti erano e sono genitori, parenti, amici intimi, gente che conosce il sacrificio e, di conseguenza, il valore delle cose. Nessuno di loro sarebbe in grado di macchiarsi di un tale gesto, pertanto nessuno di loro merita di essere additato e giudicato senza prova alcuna”.

Alla fine spuntano le parole sul messaggio provocante del capitano giallorosso: “Per quanto riguarda poi l’augurio che ci ha riservato il capitano della Roma, ci sentiamo di non rispondere, anzi, le auguriamo di raggiungere tutti i traguardi prefissati e che la sua carriera possa procedere a vele spiegate. Lo stile non si compra, per imparare l’educazione e il rispetto c’è ancora tempo. Per storia e tradizione, da voi nessuna lezione“.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile