Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 14 dicembre 2005: la Roma di Spalletti stende il Basilea in Coppa Uefa (FOTO/VIDEO)

Taddei, Totti e Nonda stendono il Basilea

La Roma di Luciano Spalletti inizia a muovere le sue prime soddisfazioni europee sconfiggendo in casa il Basilea di Gross che nelle sue fila può vantare giocatori che poi diventeranno giocatori top d’Europa come Rakitic e Eduardo Da Silva. Nel primo tempo è dominio totale dei giallorossi che mettono subito in chiaro le cose con il vantaggio di Taddei al 12′ e il raddoppio di Totti al 45′. Nella ripresa al 49′ va in gol anche Shabani Nonda che sigla il 3-0 dei capitolini. Poi come lo stesso Spalletti dichiarerà al termine della gara: “dopo il terzo gol siamo stati in campo con troppa superficialità”. Cala la Roma e il Basilea coglie l’occasione per fare il gol della bandiera con Petric. Tutto vano per gli svizzeri che nella quinta giornata del girone atipico composto da 5 squadre (Roma, Strasburgo, Tromsoe, Crveda Zvezda e Basilea) verranno sconfitti dai giallorossi per 3-1.

 

LE FORMAZIONI UFFICIALI

AS ROMA (4-2-3-1): Curci 6,5, Panucci 6 (41′ Chivu 6), Mexes 6, Bovo 6,5, Cufrè 6, Perrotta 7 (74′ Rosi 6), De Rossi 6,5, Aquilani 6, Totti 6,5, Taddei 6,5, Nonda 6,5 (84′ Mancini Sv)
A disp. Doni, Alvarez, Kharja, Okaka
All. Spalletti

BASILEA (4-3-3): Zuberbuelher 5,5, Zanni 6, Mueller 5,5, Smiljanic 5,5, Chipperfield 6 (65′ Sterjovski 6), Ba 5,5 (46′ Petric 6), Ergic 6 (72′ Baykal Sv), Degen 6,5, Rossi 6, Delgado 6,5, Eduardo 6
A disp. Crayton, Quennoz, Kulaksizoglu, Rakitic
All. Gross

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord